venerdì 27 marzo 2009

Tutti per uno, uno per tutti!


Un po' a scoppio ritardato. Tra le notizie che ho letto la scorsa settimana sul giornale questa mi è balzata subito all'occhio. Per ovvi motivi. E mi ha fatto sorridere, seppur con la solita amarezza di fondo.
25 marzo 2009. Luc Rousselet, direttore dell'azienda farmaceutica 3M Santé, è stato sequestrato dai dipendenti dell'azienda. Il manager ha dovuto trascorrere la notte nel suo ufficio, dopo essere stato trattenuto dagli operai che gli hanno concesso di allontanarsi dalla sua stanza solo per andare in bagno. I lavoratori, con il loro gesto, hanno voluto imporre all'azienda una rinegoziazione del piano di ristrutturazione, che prevedeva la soppressione di 110 posti di lavoro su un totale di 235. «Questa azione - ha detto un sindacalista - è l'unica nostra possibilità, ma non c'è alcuna aggressività». La liberazione è avvenuta dopo diverse ore di negoziati fra delegati sindacali e rappresentanti dell'azienda, con un mediatore designato dalle autorità locali. Il rilascio è avvenuto dopo la firma di «un protocollo d'accordo preliminare in base al quale la direzione della 3M si è impegnato ad accollarsi tutte le conseguenze sociali del progetto di ristrutturazione al fine di garantire ai dipendenti colpiti di reinserirsi» nel mondo del lavoro.
Quasi quasi...

2 commenti:

Ergosfera ha detto...

oppure, come nel film Louise Michel http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=58125 assoldare un sicario per uccidere il capo

Francesca ha detto...

Oddio, anche a noi ha fatto un regalino! Devo troppo vedere questo film. E farlo vedere ai miei colleghi. Grazie per la segnalazione.